Testo
Chiamaci ! TEL 015-404192 MAIL info@valuecreation.it
 

Risanamento di Aziende in Crisi : la Cessione di Cespiti e Rami di Azienda Non Strategici

Nel’ambito delle operazioni di risanamento di aziende in crisi le operazioni relative alla cessione di asset e rami di azienda non strategici è certamente da prendere in considerazione in quanto può trattarsi di uno strumento che facilita non poco il risanamento finanziario. E’ chiaro che non in tutti i casi l’azienda dispone di asset e rami di azienda da cedere ma in questi casi è bene conoscere alcuni aspetti relativi a questo tipo di operazioni al fine di gestirle nel modo più efficace.

Il primo aspetto da tener presente è che per valutare la cessione di un cespite o di un ramo di azienda consiglio di utilizzare criteri basati sui flussi di cassa scontati ( discount cash flow ) in quanto il principio è quello di vendere se il prezzo di cessione è superiore al valore dei flussi di cassa che il cespite o il ramo di azienda produce.

Chiaro è però che la situazione congiunturale e l’urgenza di smobilizzare cespiti o rami di azienda pone non pochi problemi in quanto è complicato trovare un acquirente in breve tempo : questo problema è ovviabile in diversi modi che consentono di migliorare la fattibilità dell’operazione di smobilizzo

1) Effettuare una attività strutturata di scouting di compratori sia finanziari sia industriali : si pensi alla cessione di un ramo di azienda o di un cespite industriale che può essere di interesse di un azienda concorrente o correlata. Purtroppo spesso le aziende, per non affrontare un minimo investimento, non si affidano a team specializzati nella ricerca di acquirenti.

Ricercare un acquirente è un lavoro complesso e pesante che richiede circa 2-3 mesi ed una quantità di contatti numerosa : è quindi necessario che l’azienda si organizzi  per svolgere il lavoro internamente o deleghi il lavoro ad un team specializzato.

2) qualora il cespite abbia un reddito certo e dimostrabile ( non costruito ad hoc negli ultimi mesi ) è possibile rivolgersi ad istituti esteri finanziari, ve ne sono molti in UK, specializzati nello smobilizzo di asset a reddito. In Italia purtroppo è un operazione complicata se non impossibile, e comunque ci sono molte meno probabilità di risolvere la situazione. Anche in questo caso l’azienda può trovare questi istituti ricercando su internet se dispone di personale adeguatamente qualificato, fissando poi i contatti con gli interlocutori esteri.

3) se vengono ceduti dei cespiti che sono strumentali o possono avere un riutilizzo si possono utilizzare forme di smobilizzo mediante patti di riacquisto.

4) si può utilizzare la formula dell’affitto d’azienda che consiste nella concessione a terzi in godimento dell’azienda per un determinato periodo  nella prospettiva di riacquisirne la titolarità. tale sistema ha dei vantaggi anche dal punto di vista dei flussi di cassa recuperabili in quanto i canoni possono essere collegati a valori  operativi come il fatturato.

Sei Interessato al Nostro Supporto ?